Questa versione del sito web è attualmente in costruzione.

Estensione delle misure fiscali vantaggiose per i contribuenti

Un recente comunicato del ministero delle Finanze prevede l’estensione delle misure fiscali a beneficio dei contribuenti nel contesto della pandemia.

Read article

Un comunicato del ministero delle Finanze del 25.03.2021 prevede un’estensione delle misure fiscali a beneficio dei contribuenti.

Il 25.03.2021, il ministero delle Finanze ha pubblicato una comunicazione che prevede l’estensione di alcune delle misure a favore dei contribuenti adottate nell’ultimo anno nel contesto della crisi di Covid-19.

Tali misure riguardano:

  • Esenzione dal pagamento di un’imposta specifica su talune attività nel settore di HORECA calcolata a decorrere dal 1 aprile 2021. I contribuenti che sono debitori di tale imposta per l’anno 2021 ricalcolano l’imposta specifica dovuta diminuendo ulteriormente il numero di giorni di 90 giorni per il periodo che inizia il 1 aprile 2021 da 365 giorni di calendario.
  • Ristrutturazione degli obblighi di bilancio: il termine per la presentazione della domanda di ristrutturazione è prorogato fino al 31 gennaio 2022.
  • Rimborso dell’IVA con successivo controllo: Il termine per il rimborso dell’imposta sul valore aggiunto da parte dei contribuenti con successivo controllo è prorogato al 31 gennaio 2022.
  • Cancellazione degli obblighi accessori: questa misura fiscale continua ad applicarsi prorogando il termine per la presentazione della richiesta di cancellazione fino al 31 gennaio 2022. Questa misura consente ai contribuenti di beneficiare della soppressione degli accessori fiscali.
  • Calendario di pagamento, in forma semplificata, degli obblighi di bilancio dovuti dopo la data di dichiarazione di emergenza: il termine per la concessione di tale agevolazione è prorogato fino al 30 settembre 2021. I contribuenti possono beneficiare di un calendario dei loro obblighi di bilancio dovuti dopo la data dello stato di emergenza per un periodo di 12 mesi.

Un altro comunicato del 15 marzo del ministero delle Finanze chiarisce l’opzione del sistema dell’IVA sulla riscossione come segue: A partire dal 1 marzo 2021, tutti i soggetti passivi il cui fatturato nell’anno civile precedente, nonché nell’anno in corso, non ha superato la soglia di lei 4.500.000 può optare per l’applicazione del sistema IVA al momento della ricezione. Questa opzione può essere esercitata in qualsiasi momento dell’anno.