Questa versione del sito web è attualmente in costruzione.

deMocanu Andra Settembre 18, 2023

Accordi di lavoro per i minori

La legislazione rumena prevede diverse modalità di assunzione di minori di 18 anni, tra cui: volontariato, stage, lavoro a giornata, ecc.

Read article

Se vogliono fare esperienza lavorativa senza essere assunti, i minori possono rivolgersi al volontariato o agli stage, entrambi regolamentati dalla legge rumena. Tuttavia, coloro che desiderano ottenere un lavoro devono essere consapevoli che il diritto del lavoro prevede una serie di diritti per loro e obblighi aggiuntivi per il datore di lavoro.

1. Il volontariato

I minori possono fare volontariato per acquisire esperienza e devono firmare un contratto di volontariato con un’organizzazione che offre tali servizi, altre aziende o istituzioni statali.

La legge 78/2014 che regola il volontariato in Romania stabilisce che il volontariato non è retribuito, ma i periodi di volontariato sono riconosciuti come esperienza professionale o specialistica. Tuttavia, l’organizzazione di accoglienza può sostenere i costi di vitto, alloggio e trasporto o altre spese che si presentano al volontario durante la sua attività.

2. Stage

I maggiori di 16 anni possono svolgere un tirocinio (eccezionalmente, con il consenso dei genitori, anche i maggiori di 15 anni) in un’azienda con la quale non hanno mai avuto un rapporto di lavoro o di impiego.

La legge 176/2018 sul tirocinio stabilisce che dopo la firma di tale contratto il tirocinante deve essere retribuito e l’indennità offerta non deve essere inferiore alla metà del salario minimo lordo. Tale indennità è concessa in proporzione al numero di ore lavorate ed è soggetta a tassazione.

Il contratto di tirocinio non può durare più di 720 ore per un periodo di sei mesi consecutivi e il tirocinante lavorerà nell’organizzazione ospitante sotto la diretta supervisione di un tutor.

3. Attività dei lavoratori a giornata

I minori di 18 anni possono lavorare come lavoratori a giornata in attività adeguate al loro “sviluppo fisico e alle loro capacità (…) e il loro stato di salute non è in pericolo“; queste disposizioni sono citate nella Legge 52/2011 sull’attività dei lavoratori a giornata.

Anche i minori di almeno 15 anni possono essere lavoratori a giornata, ma il loro lavoro non deve violare il loro diritto allo sviluppo fisico, mentale, spirituale, morale e sociale e il loro diritto all’istruzione.

4. Impiego come dipendente

Il Codice del lavoro stabilisce che una persona può essere assunta sulla base di un contratto di lavoro individuale a partire dall’età di 16 anni, ma eccezionalmente, con il consenso dei genitori, anche chi ha più di 15 anni può essere assunto.

Sul posto di lavoro, i bambini dipendenti beneficiano di:

  • orario di lavoro massimo di 6 ore al giorno o 30 ore alla settimana;

  • una pausa per i pasti di almeno 30 minuti se l’orario di lavoro giornaliero è superiore a quattro ore e mezza;

  • gli stessi diritti dei lavoratori adulti (ad esempio, ricevere la disoccupazione, il riposo o il congedo per malattia);

  • tre giorni lavorativi aggiuntivi di congedo di riposo, rispetto al minimo di 20 giorni lavorativi all’anno per i dipendenti adulti.

Tuttavia, la normativa vigente stabilisce che NON possono svolgere lavoro straordinario, notturno, in condizioni pesanti, dannose o pericolose.

5. Reddito da attività a pagamento

I minori possono essere pagati anche per attività culturali, artistiche, sportive, pubblicitarie e di modellamento sulla base di un contratto tra l’organizzatore e i genitori conforme al Codice Civile. Il decreto legislativo n. 75/2015 stabilisce che se il minore ha più di 14 anni e ha ricevuto il consenso dei genitori, il contratto può essere firmato direttamente con il minore.

Tuttavia, queste attività regolamentate dal GD 75/2015 prevedono anche una serie di restrizioni, in particolare:

Le attività possono svolgersi tra le ore di:

La durata dell’attività deve essere al massimo:

  • 9:00 – 17:00 – per i bambini sotto i cinque anni;

  • un’ora alla settimana – per bambini di età inferiore a un anno;

  • 8:00 – 20:00 – per bambini dai 5 ai 12 anni;

  • due ore al giorno – per bambini da 1 a 5 anni;

  • 7:00 – 22:00 – per i bambini di età superiore ai 12 anni.

  • quattro ore al giorno – per bambini dai 5 ai 12 anni;

  • sei ore al giorno – per i bambini di età superiore ai 12 anni.

Il regolamento sottolinea inoltre che l’attività continuativa può essere svolta per un massimo di un anno:

  • 15 minuti per i bambini di età inferiore a un anno;

  • non più di 30 minuti per i bambini di età compresa tra 1 e 5 anni;

  • non più di 45 minuti per chi ha più di cinque anni.

Dopo ogni attività continuativa, i bambini hanno diritto a brevi pause di 10-15 minuti. Hanno inoltre diritto a una pausa lunga di almeno 30 minuti, a seconda dell’età, e possono svolgere attività fino a quattro giorni consecutivi alla settimana.

Il bambino deve essere accompagnato da un adulto per tutta la durata delle attività.

Inoltre, i genitori i cui figli devono guadagnare soldi da pubblicità, film, spettacoli teatrali, concerti o altre attività simili devono informare il servizio pubblico di assistenza sociale al più tardi 10 giorni lavorativi prima dell’inizio dell’attività.